competenze digitali

Professionalità digitali: come identificarle per potenziare l’innovazione nella Pubblica Amministrazione

Area tematicaTag Letture: 1218

Dalla nascita dell’ICT ad oggi le competenze nel settore del digitale sono evolute. Dove prima esisteva l’informatico (e nel web il “webmaster”) ora esistono differenti professionalità che concorrono alla nascita di prodotti e servizi di qualità.

I siti web della PA per dispositivi mobili sono un servizio al cittadino. Riflessioni e best practice

Area tematicaTag Letture: 952

Da alcuni anni chi progetta il web lo fa con un approccio definito ""mobile first"" ossia con un'attenzione primaria agli utenti che navigano attraverso i dispositivi mobili. Per la Pubblica Amministrazione fornire progetti web di questo tipo rappresenta un vero e proprio servizio al cittadino. Vedremo perché attraverso alcuni esempi concreti.

Digitalizzazione e professioni: le competenze richieste dalla normativa

Area tematicaTag Letture: 1480

In base alle più recenti indicazioni normative, all’interno di ogni ente pubblico (o impresa) è necessaria la presenza e il coordinamento tra specifiche figure professionali che assicurino una gestione digitale di dati e documenti corretta e sicura: tra queste grande rilievo assumo il Responsabile della Conservazione digitale e il Responsabile del Trattamento dei dati.

Competenze digitali

AgID, attraverso la Coalizione nazionale per le Competenze digitali, promuove e diffonde le iniziative di alfabetizzazione digitale per cittadini, imprese e dipendenti pubblici con l’obiettivo di favorire una diffusa consapevolezza sull’innovazione tecnologica nel Paese, con particolare riguardo alle nuove professioni necessarie oggi per lo sviluppo delle piccole imprese.

Programma il Futuro: come formare gli studenti al pensiero computazionale

Area tematicaTag Letture: 1152

La visione culturale dell'informatica, denominata "pensiero computazionale" sottolinea l'acquisizione da parte degli studenti di competenze informatiche di valore culturale generale, che insegnano a strutturare una attività in modo che sia svolta da un qualsiasi “esecutore”, che può essere certo un calcolatore ma anche un gruppo di lavoro all’interno di un'azienda o di una pubblica amministrazione.

Open data, trasparenza e pubblicità legale nel processo di gestione documentale

Area tematicaTag Letture: 1819

Qual è la differenza tra rilascio dei dati aperti e messa a disposizione online di dati pubblici in un portale? E tra condivisione dei dati e dati di tipo aperto? Ancora molta confusione purtroppo vige su questi argomenti e spesso si crede – erroneamente - che la pubblicazione online basti da sola a garantire la trasparenza delle azioni amministrative, a prescindere da come un documento sia stato pubblicato, da quale formato sia stato utilizzato e dal rispetto delle relative norme sulla privacy.

Competenze digitali specialistiche nella PA: il Web tra obblighi di pubblicazione e opportunità

Area tematicaTag Letture: 1703

Con questo incontro si cerca di focalizzare le priorità e le competenze necessarie per chi, dentro la pubblica amministrazione, oggi è necessariamente a contatto con i servizi online, con gli obblighi di pubblicità (Albo pretorio e trasparenza) e divulgazione di dati aperti (Open data) ma anche marketing (Social, blog ecc) . Divulgare attraverso il web le informazioni della pubblica amministrazione presuppone una grande competenza e conoscenza delle opportunità, limiti e costi che questo comporta.

Competenze digitali

Area tematicaTag Letture: 899

Il digital divide non è solo mancanza di possibilità di connessione, ma anche, e soprattutto, mancanza della conoscenza diffusa della Rete Internet e del suo uso consapevole e critico.
E' necessario il consolidamento e lo sviluppo delle competenze digitali dei cittadini e dei professionisti.
I profili di competenze sviluppati da IWA Italy con il suo Gruppo Web Skills Profiles rappresentano uno standard aperto e condiviso utile alla definizione di programmi formativi e di certificazione.

Il Piano di Crescita digitale

“Le policies dell’innovazione italiana hanno tradizionalmente pensato più a digitalizzare processi esistenti, invece di utilizzare il digitale come leva di trasformazione economica e sociale.

Scuola come motore di innovazione, sviluppo e collante territoriale. Ruolo del digitale e consigli pratici per la realizzazione di incubatori di progettualità

La scuola non è solo il terreno sul quale, e intorno al quale, dar vita a battaglie quotidiane di carattere sociale e politico ma è anche il giacimento da cui con continuità scaturisce il nostro futuro e, quindi, il luogo elettivo per l’incontro, la condivisione e la progettazione partecipata da parte di studenti, docenti, famiglie, imprenditori e realtà produttive territoriali, decisori politici e amministrazioni locali.