tecnologie per la sicurezza

Sicurezza stradale: tecnologia e cultura fanno la differenza

Per potenziare la sicurezza stradale serve non solo un salto tecnologico, ma anche un salto culturale: la tecnologia tutto sommato oggi c'è, ma la sua adozione incontra spesso delle resistenze. Maurizio Caprino sottolinea, ad esempio, che mentre gli addetti ai lavori sono consapevoli che solo i controlli automatici possono fare da deterrente a determinati comportamenti, l'opinione pubblica si richiama alla “sacralità” della contestazione immediata.

La collaborazione tra gli Enti di ricerca e gli Enti Locali nell'ambito delle politiche per la sicurezza

Area tematicaTag Letture: 1418
Augusto Pifferi approfondisce il tema della possibile collaborazione tra Enti di ricerca ed Enti Locali nell'ambito delle politiche per la sicurezza. L'esperienza del CNR, che ha proprie sedi dislocate su tutto il territorio nazionale ed ha sviluppato reti ed infrastrutture di connettività per alcuni comuni del Lazio, dimostra come sia possibile trasferire tecnologie per la sicurezza alle imprese ed alle amministrazioni in maniera efficace.

Il Comune di Ciampino vara il programma per la sicurezza nell'ambito del bando promosso dalla Regione Lazio

Il Comune di Ciampino ha presentato un programma sulla sicurezza nell'ambito del bando promosso dalla Regione Lazio, che prevede interventi quali l'installazione di un sistema di videosorveglianza, la riorganizzazione del corpo dei vigili urbani ed un piano di coordinamento e collaborazione delle forze dell'ordine. Per il Sindaco Walter Peraldini, inoltre, è necessario che la classe dirigente sia in grado di ricostruire un clima di fiducia nei confronti delle istituzioni, condizione imprescindibile per una politica sulla sicurezza realmente efficace.

Il progetto di sciurezza integrata dell III Municipio del Comune di Roma

Area tematicaTag Letture: 996
Per rispondere alla domanda di sicurezza dei cittadini, il III Municipio del Comune di Roma ha avviato un progetto che prevede la sorveglianza attiva del territorio ed un centro di ascolto con funzione di call center per segnalazioni di disagi e reati a livello locale. Le finalità del progetto, che ha ottenuto anche il finanziamento di soggetti privati, sono aumentare la percezione di sicurezza dei cittadini, incentivare e sostenere azioni e tecnologie innovative.

C’è più sicurezza insieme: un lavoro coordinato per un obbiettivo comune

Francesco Cirillo approfondisce la nozione di sicurezza urbana così come è stata introdotta recentemente nell’ordinamento italiano e sottolinea l’importanza di un approccio comune al problema che prevede la responsabilizzazione di tutti gli attori coinvolti: polizia, carabinieri, polizia locale, comuni, regioni, magistratura, associazionismo, imprese, mondo del volontariato, ecc. In ultimo il Vice Capo della Polizia si sofferma sul fenomeno dell’immigrazione evocandone i principali nodi di complessità.

La sicurezza urbana nel sistema normativo: benefici e complessità della sua applicazione

Luigi Scotti confrontando l’esperienza di Napoli con quella delle altre città italiane approfondisce la questione della sicurezza urbana rispondendo a quattro interrogativi. Era necessario modificare l’art. 54 del Testo Unico sugli Enti Locali? Come hanno funzionato le varie Ordinanze sindacali e quali problemi si sono verificati nei singoli contesti? Di quali supporti hanno bisogno i provvedimenti che fanno capo al Sindaco? Come si profila la sicurezza urbana alla luce del cosiddetto pacchetto sicurezza?

Le tecnologie per il controllo del territorio

Pasquale Lavacca, chiudendo il convegno, propone una disamina dell’utilizzo delle reti e delle tecnologie da parte dell’Arma dei Carabinieri, sottolineando come la prossimità al territorio e al cittadino, che connota il lavoro dell’Arma, si traduca in strategie di utilizzo dell’ict volte a potenziarne la vocazione. La sfida per il prossimo anno, conclude, è portare dentro il contributo dell'Università.

Una risposta integrata alla domanda di sicurezza

Il calo della percezione di sicurezza tra i cittadini – dice Zanonato – è dovuto alla paura del crimine come anche ad altri fattori quali la preoccupazione per il proprio futuro lavorativo, la questione dell’ambiente, la politica internazionale, il terrorismo, ecc. Sulla sicurezza occorre dunque concentrarsi con forza senza che essa diventi un tema di scontro politico, altrimenti si agisce solo con la repressione.

Flessibilità e innovazione nella soluzione SAP per la Pubblica Sicurezza: promuovere maggiore tutela e sicurezza anche attraverso la gestione dei casi investigativi.

Area tematicaTag Letture: 1062
La strategia in materia di sicurezza a livello nazionale e più in generale a livello europeo, pone l’accento sull’identificazione di una serie di minacce da affrontare e per le quali gli organi governativi devono attuare una politica di contrasto ed efficaci azioni di vigilanza. La crescente globalizzazione, la facilità di spostamento tra i paesi, l’aumento della mobilità e l’evoluzione tecnologica stanno creando, per i cittadini e per le organizzazioni che operano nel rispetto della legalità, grandi opportunità di svolgere le proprie attività in modo più rapido, più flessibile e più economic

Flessibilità e innovazione nella soluzione SAP per la Pubblica Sicurezza: promuovere maggiore tutela e sicurezza anche attraverso la gestione dei casi investigativi.

Area tematicaTag Letture: 988
La strategia in materia di sicurezza a livello nazionale e più in generale a livello europeo, pone l’accento sull’identificazione di una serie di minacce da affrontare e per le quali gli organi governativi devono attuare una politica di contrasto ed efficaci azioni di vigilanza. La crescente globalizzazione, la facilità di spostamento tra i paesi, l’aumento della mobilità e l’evoluzione tecnologica stanno creando, per i cittadini e per le organizzazioni che operano nel rispetto della legalità, grandi opportunità di svolgere le proprie attività in modo più rapido, più flessibile e più economic